Iscrizioni e cessazioni di imprese nelle Marche – iI Trimestre 2020

Iscrizioni e cessazioni di imprese nelle Marche – iI Trimestre 2020

L’Osservatorio sull’imprenditorialità della Fondazione Aristide Merloni esamina da anni il fenomeno dell’imprenditorialità in Italia e nelle Marche attraverso la pubblicazione di un rapporto annuale e la partecipazione al GEM (Global Entrepreneurship Monitor).

Nel secondo trimestre del 2020 il fenomeno della natalità di impresa è stato influenzato dal clima di profonda incertezza generato dal Covid-19.

Dai dati disponibili sulle iscrizioni e cessazioni del primo trimestre 2020 erano già emersi i primi effetti negativi della situazione emergenziale rilevando una minore propensione all’avvio di nuove imprese a partire dal mese di marzo.

La riduzione delle iscrizioni ha raggiunto il picco negativo nel mese di aprile con il 70% in meno di nuove imprese iscritte rispetto a quelle di aprile 2019.

Dal mese di maggio si registra una debole ripresa delle iscrizioni e successivamente a giugno il numero di nuove imprese torna in linea con quello degli anni precedenti.

La crescita del numero di iscrizioni registrata nei mesi di maggio e giugno non è però sufficiente a colmare la marcata riduzione rilevata in aprile. Per tale motivo nel complesso le iscrizioni del secondo trimestre 2020 risultano inferiori del 40% rispetto all’anno precedente.

Nonostante la situazione di incertezza il saldo tra iscrizioni e cessazioni nel secondo trimestre 2020 è positivo, con oltre 300 nuove imprese.

L’andamento delle iscrizioni nei primi sei mesi dell’anno evidenzia che i più bassi livelli di iscrizioni coincidono con i mesi del lockdown: marzo, aprile e maggio.

Disaggregando i dati disponibili in base alla forma giuridica si rileva che il 62% delle nuove imprese è costituito in forma di ditta individuale, il 17% di società a responsabilità limitata, e il 12% è costituito in forma di società a responsabilità limitata semplificata.

Ci attendiamo un rimbalzo positivo del numero di iscrizioni e una ripresa delle cessazioni nella seconda parte dell’anno.